E se le auto elettriche venissero caricate dall’asfalto?

13 Novembre 2021 Circolazione, Generale

Più ci affidiamo alle auto elettriche, più avremo bisogno di una fonte di energia coerente e affidabile per alimentarle.

È importante che i produttori di auto elettriche trovino il modo di far durare più a lungo l’autonomia delle proprie auto, soprattutto quando non si trovano vicino a una stazione di ricarica.

Uno degli aspetti che ancora bloccano la diffusione delle auto elettriche sono proprio le infrastrutture.
In genere la rete di colonnine situate nel territorio viene reputata ancora insufficiente e i tempi di ricarica troppo lunghi soprattutto in caso di “code” alla colonnina.

Attualmente i produttori stanno cercando di trovare il modo di far durare più a lungo l’autonomia delle proprie auto, per ovviare alla paura di chi si mette in viaggio di non avere una colonnina vicina quando ne avranno necessità.

L’Asfalto che ricarica le Auto Eletriche mentre guidi

La svolta rivoluzionaria che toglie agli automobilisti il pensiero della ricarica e dei tempi di attesa presso le colonnine potrebbe trovare riscontro in una innovativa idea che è già in fase di sperimentazione.

La soluzione viene dall’asfalto

Le sperimentazioni che stanno portando avanti alcuni dipartimenti dei Trasporti Americani, hanno tecnologie diverse ma tutte finalizzate allo stesso scopo: ricaricare l’auto mentre si viaggia.

Alcuni studi stanno sperimentando particelle di ferrite magnetizzate affogate nell’asfalto, altri con magneti inseriti sotto il manto stradale oppure con bobine di filo elettrico.

Sostanzialmente verrebbe creato un campo magnetico sulla superficie stradale.
L’idea di utilizzare l’asfalto magnetico per ricaricare le auto elettriche è stata proposta per la prima volta nel 1988: è che la strada possa essere pavimentata con asfalto “modificato”, che creerà un campo magnetico che andrà a ricaricare le batterie delle auto durante i viaggi in modalità wireless. 

Questo campo magnetico consentirebbe quindi alle auto elettriche di ricaricare le batterie guidando sui magneti incorporati nella superficie stradale.

E le Case Automobilistiche?

Se queste sperimentazioni dovessero andare a buon fine, i costruttori dovrebbe a loro volta pensare e progettare veicoli che possano essere ricaricati durante la marcia e non solo presso le stazioni.

Avranno modo così di rendere più facile per i conducenti caricare le proprie auto mentre guidano lungo la strada togliendo loro l’ansia della scarsa autonomia.

Il risultato potrebbe far decollare definitivamente le vendite di auto elettriche.

Magment l’Asfalto Magnetico che ricarica le batterie delle auto

Un team di ricercatori universitari ha creato un tipo di asfalto che potrebbe spianare la strada alle auto elettriche che potrebbero essere guidate senza fermarsi per la ricarica.

Questo tipo di asfalto, denominato “Magment” ha proprietà magnetiche che gli consentono di generare energia da magneti sepolti sotto la strada e arrivare fino a una potenza di circa 200 kW con il 95% di efficienza.

Con questa nuova innovazione, i conducenti non dovrebbero più fermarsi in una stazione di ricarica per il loro veicolo elettrico.
Questa tipologia di ricarica, una volta affinata, potrà essere impiegata anche per i mezzi pesanti a motorizzazione elettrica.

L’asfalto che ricarica le batterie è senz’altro un’idea rivoluzionaria .
Alcuni esperti però sono preoccupati per il modo in cui potrà interagire con l’ambiente, con le falde acquifere o con altri oggetti metallici che si trovano vicino o sopra il livello del suolo.