Sostituzione delle Gomme Invernali con quelle Estive. Per quasi tutti.

10 Aprile 2021 Leggi e Normative

In questo articolo vedremo, seppur brevemente, alcuni aspetti che riguardano la sostituzione degli pneumatici invernali con quelli estivi.

In particolar modo:

  • Quando bisogna sostituire le gomme invernali con le estive nel 2021
  • Quanto costa il cambio degli pneumatici
  • Sanzioni previste dal codice della strada
  • Quali sono le differenze fra gomme estive, invernali e quattro stagioni

Quando bisogna sostituire le gomme invernali con le estive nel 2021?

Dal 15 di Aprile 2021 scatta l’obbligo della sostituzione delle gomme invernali con quelle Estive.
E’ concessa luna tolleranza massima e inderogabile fino al 15 di maggio. Dopo questa data scattano le sanzioni come vedremo più avanti.
Tuttavia, la legge prevede l’obbligo di montare pneumatici adeguati al periodo estivo solo nel caso in cui l’indice di velocità delle gomme sia inferiore a quello indicato nel libretto di circolazione. Perciò il cambio delle gomme invernali nel periodo estivo non è obbligatorio. 

Ricapitolando, può fare a meno di sostituirle chi monta sull’auto le gomme 4 stagioni oppure quelle con un indice di velocità uguale o superiore a quanto indicato nel libretto di circolazione.

L’indice di velocità è indicato sul fianco di ogni pneumatico e corrisponde alla velocità massima per cui quella gomma può viaggiare.
Ogni lettera corrisponde ad una velocità: il codice T ad esempio, indica la velocità massima di 190km./h mentre per il codice Q è di 160 km./h

Quanto costa il cambio degli pneumatici?

Normalmente la sostituzione degli pneumatici con equilibratura e deposito delle gomme presso l’officina, il costo può variare dai 50 ai 100 euro a cambio.
Per le auto in uso ai clienti del noleggio a lungo termine, se previste nel contratto, il cambio non costa nulla perché fa parte dei servizi gratuiti offerti al cliente

Sanzioni previste dal codice della strada

Il codice della strada per i veicoli che non montano sull’auto pneumatici adeguati a garantire la sicurezza del veicolo, prevede delle sanzioni amministrative, diverse fra centri abitati, non abitati e autostrade che possono arrivare a € 1682.

Le ammende diventano molto pesanti e possono appunto arrivare appunto fino a 1.682 euro se gli pneumatici montati sull’auto hanno un valore inferiore a quello indicato nel libretto di circolazione.

Nel campo di applicabilità delle sanzioni, rientrano le gomme estive e quelle invernali che, per le loro caratteristiche costruttive, sono adatte a garantire la percorrenza in sicurezza durante il periodo estivo o invernale.
In ogni caso però, gli pneumatici devono essere omologati e riportare nella spalla i codici di omologazione. Se questi mancano l’ammenda scatta ugualmente.

Oltre alla sanzione, in casi particolarmente gravi, ci può essere anche il sequestro amministrativo del mezzo fino a quando non è stato nuovamente messo in sicurezza.

L’eccezione riguarda le gomme cosiddette “Quattro Stagioni” perché, grazie alla mescola e alla particolare costruzione del battistrada, garantiscono una buona tenuta di strada in tutte le stagioni.

Quali sono le differenze fra le gomme Estive, Invernali e Quattro stagioni?

Come vedremo, le principali diversità sono sostanzialmente nella costruzione del battistrada e nella mescola usata per il pneumatico che può essere più o meno morbida per adattarsi meglio al terreno nelle varie stagioni

Caratteristiche Pneumatici Estivi

Il disegno del battistrada delle gomme estive è normalmente composto da tre profonde scanalature longitudinali e intagli trasversali che dividono i tasselli privi di tagli per avere più rigidità e miglior scorrimento sulla strada.

La mescola delle gomme è più dura, con meno gomma naturale rispetto agli invernali. Questo permette una minore usura e un migliore rotolamento della gomma su superfici calde rendendo più sicura l’aderenza.

Caratteristiche Pneumatici Invernali

La mescola degli pneumatici invernali contiene molta più gomma naturale rispetto agli estivi che li rende più morbidi e più aderenti al solo anche in caso di temperature rigide. Entrano in temperatura molto velocemente.

L’aderenza alle varie tipologie di terreno invernale, con neve, fango o ghiaccio, è ottenuta da piccolissime scanalature nei tasselli, che sono molto più pronunciati rispetto agli estivi. e caratterizzati da disegni specifici.
Così costruiti consentono un miglior drenaggio dell’acqua, della neve e del fango.

Sono divisi fra loro da numerose scanalature in grado di drenare grandi quantità d’acqua

Caratteristiche Pneumatici “Quattro Stagioni”

Le gomme “4 stagioni” rappresentano un compromesso fra le gomme estive e invernali. Generalmente sono indicati per chi percorre poca strada.

La mescola utilizzata nei “4 stagioni” solitamente è come quella degli pneumatici estivi con un disegno del battistrada invernale (scanalature e tasselli con lamette) invernali. Possono avere anche la mescola invernale ma allora battistrada avrà un disegno estivo.

Per essere in regola con il codice della strada devono riportare sulla spalla la sigla M+S oppure M&S. Per alcune tipologie di veicoli, come alcune categorie di SUV è opportuna una attenta valutazione per capire se effettivamente sono le quattro stagioni sono gomme adatte a circolare in modo sicuro soprattutto in inverno